Oventhack logo
Progetto Racconto 2002 Foto diario
 

2005

Introduzione
Nel periodo compreso tra la fine di giugno e la prima settimana di agosto 2005 i componenti del progetto OventHack si sono recati nel Caracol II di Oventic, Chiapas, Messico per svolgere la fase in loco di formazione e di acquisto di attrezzature tecniche.
Nonostante le iniziali difficolta' contingenti determinate dall'annuncio dell'Alerta Roja da parte dell' EZLN, che ha fatto posticipare solo in parte il lavoro, il progetto è stato svolto regolarmente e i risultati ottenuti vengono valutati in maniera molto soddisfacente.
Le attrezzature tecniche sono state acquistate. Sono stati realizzati due momenti di formazione: il primo nella città di S. Cristobal della durata di una settimana, durante l'Allerta Rossa; il secondo della durata complessiva di 20 giorni nel Caracol di Oventic, durante i quali si sono svolti laboratori sia la mattina che il pomeriggio con i/le promotores/as della ESRAZ e del centro de Lenguas.
Un esempio del lavoro svolto è visibile sul sito della SERAZLN-ALTOS. La pagina è stata realizzata durante i laboratori dagli stessi promotores e promotoras.
Questa ulteriore tappa del progetto Oventhack conferma quanto osservato nelle esperienze precedenti ovvero il grande interesse da parte dei giovani ragazzi e ragazze promotores nei confronti delle possibilita' offerte dall'informatica in relazione al percorso di costruzione di un sistema educativo autonomo.

Precedenti
Il progetto è iniziato nell’agosto del 2002, quando un gruppo di volontari è andato ad installare il laboratorio di informatica ed a realizzare alcuni workshop di formazione all’uso del computer della “ESRAZ” (Escuela Secundaria Rebelde Autonoma Zapatista) di quella che allora era l’Aquascalientes II di Oventic, ed ora si chiama Caracol “CORAZÓN CÉNTRICO DE LOS ZAPATISTAS DELANTE DEL MUNDO”.
Il progetto è poi proseguito nel maggio dell’anno successivo (2003) quando un altro gruppo di persone ha verificato lo stato del laboratorio e delle competenze dei “promotores” (gli insegnanti della scuola).
Nel corso del 2004-2005 è stato ultimato a cura del gruppo Oventhack, ma su richiesta della Coordinacion General educativa zapatista, il sito del Sistema Educativo Ribelle Autonomo Zapatista di Liberazione Nazionale: www.serazln-altos.org.

Alerta Roja (19 giugno -15 luglio)
Nella prima parte della permanenza in Chiapas degli “Oventhackers”, non è stato possibile entrare nel Caracol di Oventic a causa dell'allerta rossa dichiarata dall'EZLN.
A fronte di un ritardo nell'inizio del lavoro, per altro ampiamente recuperato, essere presenti in questo periodo ha permesso di comprendere meglio la natura dell'Alerta e i cambiamenti proposti dalla Sesta Dichiarazione della Selva Lacandona.
Nel sito web dell'EZLN si trovano le tre parti della dichiarazione tradotte in italiano.

Nel periodo di giugno si sono svolte le consultazioni delle comunità zapatiste di tutto il Chiapas, dalle quali è nata la Sesta Dichiarazione. Temendo attacchi durante le consultazioni da parte dei gruppi paramilitari, di cui le ONG avevano registrato la mobilitazione, l'EZLN si è visto costretto a dichiarare l'Alerta Roja come forma di protezione dell'incolumità fisica dei partecipanti.
Volendo sintetizzare brevemente i contenuti della sesta dichiarazione, pur consapevoli della parzialità di tale sintesi, si può affermare che due sono le grandi novità:
• il movimento zapatista vuole cessare di essere un movimento esclusivamente indigeno;
• il movimento zapatista vuole coordinarsi con i movimenti anticapitalisti e antineoliberali nazionali per giungere ad un “programma nazionale di lotta che porti ad una nuova costituzione messicana, che riconosca i diritti degli indigeni e degli sfruttati.
Un chiarimento del subcomandante Marcos su cosa ciò significhi si legge ne La Jornada del 28 agosto 2005. Di seguito la traduzione di una piccola parte:
la Sesta pone un problema: il limite della azione locale, però pone anche un definizione a fronte di questo problema. Ossia: no a fare una organizzazione nazionale, continentale o mondiale che assorba e subordini le altre nel locale, nazionale, continentale o mondiale.
... ed ancora...
la Sesta invita ad un'altra forma di fare politica, costruire un programma nazionale di lotta di sinistra anticapitalista, una nuova costituzione, che è un altro modo per dire, un nuovo accordo per una nuova società.
Dal nostro punto di vista non è stato possibile percepire cambiamenti tra il prima ed il dopo Alerta Roja, perché è probabile che se questi si verificheranno avranno dei tempi più lunghi.
Il dibattito con le organizzazioni che hanno risposto all'appello degli zapatisti e' in corso e trova spazio su alcuni mezzi di comunicazione messicani come il quotidiano La Jornada mentre la stampa italiana continua nella quasi totalità ad ignoralo (ad eccezione del settimanale Carta)
E' importante sottolineare che la riapertura dei Caracol ha significato una ripresa completa a pieno ritmo delle attività del Caracol di Oventic.

Formazione
Nonostante l'Alerta le lezioni ed i laboratori hanno raggiunto gli obbiettivi prefissati.
Sono state realizzate due fasi distinte di formazione, la prima a San Cristobal durante l'allerta rossa, la seconda nel Caracol di Oventic una volta terminata l'allerta.
Formazione fase 1: San Cristobal
Il percorso formativo è stato sostanzialmente lo stesso che verrà descritto nella fase 2. I risultati di tale percorso si sono potuti apprezzare immediatamente, con la correzioni di alcune inesattezze, l'inserimento di alcune immagini e del testo della Sesta Dichiarazione nel sito.
Formazione fase 2
Al termine dell'allerta rossa, è stato possibile iniziare il percorso di formazione con i promotores all'interno del Caracol II di Oventic.
Le lezioni ed i laboratori si sono svolti nel “Centro de Comunicacion” costruito negli ultimi due anni, nel quale e' presente una connessione satellitare ad internet utilizzabile via cavo dall'interno del Centro e via etere (wireless) dal resto del Caracol.
L'esistenza del Centro di Comunicazione è una ulteriore conferma dell'interesse da parte delgli zapatisti nei confronti delle possibilita' di comunicazione offerte dalla rete internet.
Studenti:
Dieci promotores della scuola secondaria di Oventic. La maggior parte dei promotores presenti avevano già lavorato con il gruppo Oventhack nei due viaggi precedenti.
Lezioni:
20 giorni complessivi nel periodo tra il 18 luglio e il 5 agosto, articolati in 3 ore di laboratorio la mattina e 3/4 ore di lezione il pomeriggio.
Percorso formativo:
il percorso formativo è stato orientato a rendere autonomi nella gestione e aggiornamento del sito web del sistema educativo zapatista www.serazln-altos.org , i promotores e le promotoras della Esraz (Escuela Secundaria Rebelde Zapatista) e del Centro de Lenguas del Caracol II.
Temi affrontati:
• introduzione alla rete internet e al web;
• informazioni di base sui tipi di files;
• informazioni di base su pagine web e html;
• struttura del sito web SERAZLN-ZACH
• cambiare le pagine: modificare il testo, fare collegamenti, inserire immagini, cambiare i colori;
• creare nuove pagine web;
• fare foto con la camera digitale, acquisirle, lavorarle, inserirle nelle pagine web;
• trasferire le pagine cambiate o nuove sul server (FTP);
• utilizzare la penna USB per copiare files;
• utilizzare correttamente la posta elettronica;
• elementi di protezione della privacy;
• utilizzo di software libero.

Software utilizzato
Il progetto Oventhack privilegia laddove è possibile l'uso di software libero e aperto. Il fatto che parte dei promotores usassero già Windows ci ha indotto a non installare un sistema operativo libero (linux) perché questo li avrebbe confusi. Ciononostante tutti i software applicativi utilizzati durante il percorso di formazione sono liberi.
Sono state date ampie informazioni sui motivi della scelta del software libero, in particolare in un contesto di costruzione di autonomia di governo, e sui movimenti che a livello internazionale lo diffondono.
I software installati sono:

  • mozilla (per la navigazione e la modifica e creazione delle pagine web);
  • gimp (per la manipolazione delle immagini digitali);
  • audacity (per la registrazione ed il montaggio audio digitale);
  • open office (sostituisce la suite Office di Microsoft).

Questi software sono gratuiti, scaricabili dalla rete ed esistono in versione spagnola

Acquisto attrezzature
Come da accordi sono state acquistate alcune attrezature tecniche che sono servite per lo svolgimento delle lezioni e dei laboratori e che serviranno in futuro per permettere ai promotores ed alle promotores di proseguire con il lavoro.
Le attrezzature sono state acquistate in Chiapas per rendere più semplici tutte le procedure relative ad una eventuale assistenza tecnica in caso di guasto e per garantire manuali di istruzioni in spagnolo.

Queste le attrezzature acquistate:

  • un computer, con i vari accessori (masterizzatore cd, casse, cavi di rete, scheda di rete wireless, microfono, cuffie);
  • una stampante laser e relativa cartuccia toner di ricambio;
  • un videoproiettore HP;due gruppi di continuità;
  • una fotocamera digitale Kodak;
  • batterie ricaribili e caricatore;
  • una penna USB;
  • 25 cd da masterizzare;
  • un porta cd;
  • vario materiale elettrico (converitori, riduttori, prolunga di corrente, stabilizzatore);
  • vario materiliare di cancelleria per i laboratori (carta, pennarelli, fotocopie, etc.).

E' stata inoltre consegnata una cartellina contenente:

  • garanzie
  • informazioni e indicazioni sul corretto mantenimento delle attrezzature
  • materiali didattici utili a cura del gruppo OventHack

Risultati e conclusioni
Come anticipato la valutazione complessiva del lavoro è molto positiva.
Nonostante il poco tempo a disposizione le capacità raggiunte dai promotores sono soddisfacenti, ciò anche in relazione al fatto che una buona parte di coloro che hanno partecipato alle lezioni avevano già seguito i corsi di Oventhack nel 2002 e nel 2003.
Si può valutare che siano state gettate basi solide per la prosecuzione anche autonoma del percorso di apprendimento.
Si può sottolineare inoltre che nel corso delle lezioni si è sviluppato una relazione collaborativa tra “insegnanti” e “studenti”, con domande, interventi e valutazioni reciproche. Questo elemento è di particolare importanza, a nostro avviso, soprattutto in quelle situazioni in cui la familiarizzazione e l'appropriazione delle tecnologie è agli inizi.
Oltre che la relazione con gli studenti e i risultati ottenuti, ulteriore elemento di soddisfazione da parte nostra è stata la proposta fatta al gruppo Oventhack da parte de la Coordinacion General Educativa per un ulteriore percorso di formazione informatica da realizzarsi nel 2006. Tale percorso dovrebbe essere indirizzato a studenti e promotores della Esraz con la finalità di formare segretari che lavorino nei municipi autonomi zapatisti.

Come potete aiutarci

Aiutare noi significa aiutare gli indigeni del sud-est messicano a rendersi autonomi.

E' per questo motivo che invitiamo a porre dei link al sito della sistema educativo del los altos:
www.serazln-altos.org
serazln-altos

 

spagnolo e tsotsil
Andare ad imparare spagnolo e tsotsil nella scuola è un'ottima occasione per conoscere da vicino la vita della comunità. Inoltre è un modo per contribuire anche economicamente al sostentamento della scuola. Per maggiori informaizoni è possibile visitare il sito.

Denaro
Potete sottoscrivere i vostri contributi in denaro versando sul
C.C.P. 61804001 intestato a Radio Onda Rossa, via dei Volsci 56 00185 - Roma,
specificando nella causale del versamento "progetto hacklab in Oventic".

Idee e consigli
Contattaci

   
spanolenglish